Rivoluzione make-up

Post breve e un po’ diverso dal solito per parlarvi della mia nuova serie di post dedicati al make-up.

Perché?

Perché ultimamente ho scoperto di aver sviluppato una sorta di intolleranze al trucco che usavo: occhi che lacrimavano copiosamente, arrossamenti e pruriti vari.

Non sono mai stata una troppo attenta e dedita a questo genere di cose. Andavo compravo i trucchi che costavano meno, spesso e volentieri non mi struccavo.

Da un mese a questa parte ho iniziato a curare di più la mia pelle e a scegliere con attenzione i prodotti. E devo dire che ci sono netti miglioramenti non sono fisici ma anche di autostima. Prendersi cura di se stesse è un ottimo modo per osservarci, imparare a conoscerci ed apprezzarci anche nei più piccoli dettagli.

Tutto questo per dire che pensavo di fare una serie di post dedicati a questo argomento, con i prodotti che sto provando al momento, le mie nuove abitudini e con le scoperte del periodo.

Nel frattempo se qualcuna di voi ha da consigliarmi marche,negozi online e prodotti specifici non mi può fare altro che piacere :*

Buona giornata!

Christmas Countdown day 13

Buona domenica! ^^/

*Idea pacchetto regalo

copyright-2009-ljfkodf

Per un Natale ancora più dolce. I supermercati dovrebbero venderli altrimenti qualche giorno fa li ho visti da Tiger. (Fonte)

*Idea regalo 

IMG_0055

Avevo postato un’idea simile ma con la cioccolata calda. Giusto per completare il set. (Fonte)

*Idea ricetta

stelle_natale

Antipasto/stuzzichino da proporre sotto le feste, non necessariamente a forma di stella cometa. (Fonte)

*Idea albero

christmas_trees_in_mason_jars2

 

Per chi non ha abbastanza spazio per un albero normale ma proprio non puó rinunciarvi. (Fonte)

*Idea tavola

DIY Christmas Tree Napkin Fold

Video tutorial per questa fantastica idea. (Fonte)

 

Spero che anche queste idee vi siano state utili, come al solito fatemi sapere se avete intenzione di realizzarne qualcuna o se ne avete altre da suggerirmi.

Ci vediamo domani!  ♥

Cosa vuoi fare da grande?

Qualche giorno fa sfogliando i miei quaderni delle elementari ( mia nonna ai tempi li fece rilegare e  io la trovai un’idea stupida…) è ho riscoperto i miei sogni da bambina. Sogni che pensavo avrei ricordato per sempre e invece se non fosse per quei quaderni avrei perso.

A saltarmi all’occhio sono stati i vari disegni “io da grande farò la fioraia”, “Da grande farò la maestra”, “Voglio diventare una dottoressa”, “Magari sarò una parrucchiera”. 

E lì mi sono bloccata…quante cose volevo fare da bambina, ognuna con la sua valida motivazione, ma adesso?

Adesso ho 27 anni e ancora non ho ben capito cosa fare.

Lavoro si, ma un lavoro che di soddisfazioni personali non ne può dare, uno di quelli che torni a casa e riesci solo a pensare “fanculo domani mi licenzio” ma poi non lo fai mai perchè oggi come oggi se lasci uno stipendio sicuro, con contratto a tempo indeterminato, sei un pazzo.

E allora giorno dopo giorno quel lavoro ti logora, si mette lì e con lentezza e crudeltà strappa i tuoi sogni , in pezzetti così piccoli che neanche ti ricordi cosa fossero originariamente.

Vabbè però potresti sempre studiare e crearti un ruolo professionale che ti si addice? Si ma poi l’università italiana è quel che è e ti ritrovi un giorno a lezione un professore che ti dice “Se ognuno di voi mi dà 80 € il corso di laurea resta aperto , altrimenti siamo costretti a chiudere “ e ti ritrovi lì con un sacco di esami che per  gli altri corsi sono per la maggior parte facoltativi.

E allora ripensi alle tue scelte, al voler seguire i consigli degli altri: “Sei brava a matematica, fai lo scientifico”, “hai una mente matematica e svelta ad imparare prova qualche corso si laurea in merito”. Però poi sfogli i quaderni delle elementari e sotto ogni tuo tema c’erano i complimenti della maestra e lì cominci a ricordarti che li portava in giro a leggerli nelle altre classi,  le professoresse delle medie e delle superiori che non sopportavano le licenze poetiche o le piccole stravaganze letterarie dei miei compagni di classe ma le mie stranamente erano sempre ben accette. Ricordi i mille quaderni pieni di poesie, racconti, diari che scrivevi nel tempo libero, la gioia che provavi quando ti leggevano le fiabe sul divano da nonna.

E capisci che qualcosa a quella bambina che sognava gliela devi, che nel seguire le proprie passioni non c’è nulla di cui vergognarsi.

Però siamo pur sempre in Italia dove i tuoi sogni li ha presi qualcun altro solo perchè qualcuno lo ha raccomandato, e magari a lui quel lavoro fa pure schifo e  non te lo nasconde neanche tanto il suo disprezzo e l’incapacità per il sogno che poteva essere tuo.

A volte bisogna buttarsi, impegnarsi e seguire l’istinto (senza lasciare il lavoro vecchio ahimè!).

Ogni sera una pagina nuova.

Cosa vuoi fare da grande?

Voglio scrivere.tumblr_myj39pf1lI1sgsmamo1_500

Lettera di Oriana Fallaci a Pier Paolo Pasolini

Iniziamo la settimana con Oriana

FeniceInPigiama

oriana_fallaci                                                    pasolini
Oggi voglio far spazio sul blog a due grandi personalità che non oso ridurre meramente al contesto giornalistico e che l’italia di ieri e di oggi stentano del tutto a comprendere. Esempi di una coscienza civica che noi giovani forse abbiamo perso. Il 16 novembre del 1975 Oriana Fallaci scrive questa lunghissima lettera, indirizzandola idealmente a Pier Paolo Pasolini e facendocene (forse) comprendere l’animo. Un uomo, “una luce ” come lo definisce la Fallaci, che si ammira ma di cui si è anche tremendamente impauriti tanto da renderlo scomodo, criticato , violentato pubblicamente e infine ucciso con la stessa crudeltà con cui egli stesso presentava la verità.

“Da qualche parte, Pier Paolo, mischiata a fogli e giornali e appunti, devo avere la lettera che…

View original post 3.271 altre parole